FANDOM


Avete mai avuto paura di qualcosa, quando eravate piccoli? Ovviamente si, è una cosa naturale, ma vi è mai capitato che le vostre paure d'infanzia si avverino? Beh, se non è mai accaduto, significa che siete fortunati. Il perchè? Perché a me è successo.

Da piccolo aveva paura non del mostro nell'armadio o del buio, bensì della divano che avevamo in salotto. Non so perché ne fossi teeroriza, o almeno, fino a qualche giorno fa.

Era una bella mattina di autunno e oi miei non c'erano, dato che erano in luna di miele. Feci colazione e accessi il computer per passare il tempo.

Controllai la mia posta elettronica e notai che avevo ricevuto un e-mail da un tizio di nome "Funymouth".

"Funymouth : cao

Funymouth : cme sti?

Funymouth : vd il tuo bl vso

Funymouth :non esserne triste

Funymouth : =)

Inizialmente pensai che fosse uno scherzo, così non riposi. Col passare del tempo, però, sentivo il bisogno di rispondere a quella dannata e-mail. Così, riaccesi il computer e risposi.

Henry Thorpe : ciao

Funymouth : 0)_(0

Henry Thorpe :che vuoi?

Funymouth :hi un bl viso

Henry Thorp :ehm, ok

Stavo per chiudere il pc, quando ricevetti un'altra e-mail da quel tizio.

Funymouth : staera ci dvertremo, vdrai

La notte stessa feci un incubo.

Ero nella mia solita casa a prendermi un bicchiere d'acqua nel frigo, quando mi voltai verso il divano. Camminai lentamente verso il divano e mi misi a sedere.

Improvvisamente, delle mani afferarono la mia mandibola.

Provai a liberarmi, ma non ci riuscivo.

Proprio quando ero sul punto di urlare, mi svegliai. Mi risvegliai in una pozza di sudore. Controllai l'ora. Le 3:15.

Le notti seguenti feci ancora degli incubi riguardanti il divano in soggiorno, ma non associai niente di tutto ciò a "Funymouth". Almeno fino a due giorni fa.

Stavo controllando ancora la mia posta elettronica e trovai un'altra e-mail di Funymouth.

Funymouth :ti sti dvrtndo?

Funymouth : spro di si

Poi, mi mandò il link per una foto. Lo schiacciai e fu allora che capii. La foto rafffigurava il divano in soggiorno.

Spensi il pc e lo buttai nel cestino.

Ora mi trovo qui, in soggiorno,, a dormire sul divano. Non sopporto più quegli incubi, perciò, ho deciso di finirla, e sono sicuro che accadrà qui. Ora sto per chiudere gli occhi.

Addio

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.